A spasso per... l'UngheriaHomepage


1 - Cosa vedere
       Le città principali
       Le bellezze naturali
       Le altre attrazioni 

2 - Informazioni utili
       Quando e come andare
       Guidare in Ungheria
       Documenti, Moneta, Telefono, etc.

3 - Dove mangiare e dormire
       Consigli per i pasti
       Assaggiando la cucina ungherese
       Consigli per il pernottamento

4 - Alcune mete consigliate
       Budapest
       Il lago Balaton
       Holloko

L



"C
on le sue secolari tradizioni, la natura in parte ancora selvaggia, l'amore per l'arte, la musica e la creatività, la sua affascinante capitale, i numerosi borghi e villaggi antichi, il grande "mare" del Balaton, le terme quasi onnipresenti, i ritmi di vita rilassati, l'Ungheria è un piacevole Paese moderno e antico allo stesso tempo tutto da scoprire."


1- Cosa vedere: idee per un itinerario

Le città principali. L'Ungheria è un Paese ricco di musei e teatri di fama mondiale, così come di magnifici castelli rinascimentali, città barocche e monumenti turchi. Dalla capitale fino ai villaggi più piccoli, in questo Paese ogni comunità ha la propria identità e offre al turista un'esperienza unica. Quando si fa un viaggio in Ungheria, è naturale cominciare ad esplorare il Paese dalla sua capitale, Budapest: quest'ultima, con il fiume Danubio che la taglia in due, con i suoi viali ampi e invitanti, i numerosi luoghi d'arte, gli scorci panoramici, i caffè, le terme, i negozi pullulanti di arte e creatività, è l'ideale per piacevoli passeggiate e un soggiorno romantico e rilassante (vedi lo spazio dedicato a questa città in fondo alla nostra pagina). Esztergom, a nord di Budapest, è stata la città natale di re Stefano, fondatore dello Stato ungherese. Il Palazzo Reale ne è l'attrazione principale, ma anche la grande cattedrale in stile neo-classico merita una visita. Szeged, nella parte meridionale del Paese, è la terza più grande città dell'Ungheria, un luogo cosmopolita e sede dell'importante Teatro Nazionale, ospitato in un edificio in stile barocco neo-rinascimentale e secondo solo a quello di Budapest. In estate il teatro all'aperto in Piazza del Duomo attrae circa 4.000 spettatori ogni sera per opere, operette, musical e spettacoli. La città offre anche spiagge invitanti, grandi parchi, un orto botanico dove passeggiare ed ospita gare di motonautica e regate di canottaggio. Pécs è invece rinomata per la sua musica, l'opera, il balletto ed è sede dei più bei monumenti turchi in Ungheria. In particolare la Chiesa Moschea, una moschea del 16° secolo, è il più grande edificio derivante dall'occupazione turca ancora intatto e costituisce il simbolo della città. Da segnalare, sempre a Pecs, il museo Victor Vasarely, dedicato agli artisti dagli innovativi disegni geometrici e il Museo della Porcellana Zsolnay. Infine, la città di Eger, famosa per il vino e per i suoi monumenti, può essere meta di una visita, in particolare alla sua bella Fortezza del 13° secolo ed alla Cattedrale, la seconda chiesa più grande del Paese.

L

Le bellezze naturali. In Ungheria, i viaggiatori possono scegliere tra centri termali per rilassarsi o curarsi, ranch per fare escursioni a cavallo sulle pianure della campagna o sulle dolci colline, parchi nazionali per ammirare la fauna selvatica, nonché laghi per praticare sport o altre attività all'aria aperta. Se d'estate l'attrazione principale per ungheresi e turisti è senza dubbio il gigantesco lago Balaton, una sorta di mare balneabile con i suoi numerosi paesini lungo le coste che offrono svago e un'ampia gamma di attività praticabili, nel Paese non mancano di certo altri punti di interesse, a cominciare dai parchi naturali: il Parco Nazionale Aggtelek, un sito protetto dall'Unesco che si trova nel nord-est dell'Ungheria, famoso per le sue grotte carsiche - 200 delle quali visitabili - molto apprezzate da turisti e speleologi, e tra queste spicca la grotta Baradla, che fu usata come rifugio dagli uomini preistorici; il Parco Nazionale di Hortobágy, con numerose specie di uccelli, paludi e praterie saline; il Parco Nazionale Duna Drava, coperto di laghi e paludi costellati di isole; il Parco Nazionale dei Monti Bukk, ai confini con la Slovacchia e con sede a Eger, ricco di bellezze naturali incomparabili: oltre 800 grotte, ripidi dirupi, pareti per alpinisti, etc. Tuttavia, un'area molto particolare che forse per questo merita più di tutte una visita è la zona del lago Tisza, un invaso artificiale creato negli anni Settanta che è secondo soltanto al lago Balaton. La parte settentrionale, che fa parte del Parco Nazionale di Hortobágy, è una riserva protetta accessibile solo con una guida, ma chi desidera esplorare il lago può, nel paese di Poroszlo, noleggiare una barca a remi o iniziare un sentiero che prosegue nella campagna circostante. La principale località del lago è però Tiszafured, che offre spiagge erbose, vela e alcuni interessanti musei. Il grande aquapark di Abadszalok è una delle attrazioni più frequentate del lago, ideale per praticare sport acquatici. 

L

Le altre attrazioni. Le abbondanti acque termali del Paese, che dispone di oltre 1.300 sorgenti calde di cui 300 specializzate nella balneazione ed a scopo terapeutico, attirano visitatori da tutta Europa e anche oltre. Nella capitale, oltre ai bagni medicinali Király, che risalgono al Medio Evo, troviamo soprattutto le famose terme dell'Hotel Gellert ma anche quelle di Szechenyi nel Parco Municipale, che essendo comunali non costano molto, e offrono il noleggio di costume, asciugamano e quant'altro. Fra gli altri complessi termali dell'Ungheria, alcuni dei più noti sono nel paesino di Heviz, presso il fiume Balaton, a Bukfurdo (bagni Buk) ed a SarvarNon potete poi perdervi uno dei pochissimi villaggi al mondo protetti dall'Unesco, che è quello di Holloko, dove si possono ammirare antiche case e botteghe, suppellettili e costumi locali, nonché le rovine di una fortezza duecentesca. Non meno caratteristici e consigliabili da visitare dopo il vicino Holloko sono anche i due paesini gemelli di Parad e Paradfurdo. Inoltre, nel villaggio storico di Szenna, i visitatori possono passeggiare attraverso un museo etnografico all'aria aperta che dà un assaggio dello stile di vita del 18° secolo dei contadini. Per chi ama la musica, il cibo e il folklore, numerosi sono i festival che si svolgono in Ungheria. A Pecs, ad esempio, c'è il Festival di Primavera, il Festival Teatrale della Assemblea Nazionale, il Festival della Vite e del Vino, il Festival della Canzone, tutti eventi che attirano i visitatori per le strade e le piazze pubbliche. Ad Eger, abbiamo festival d'arte come il Festival Barocco, il Bagno Festival, il Festival della Belle Donne, e una serie di festival di musica folk e di feste del vino che vanno avanti per tutta l'estate. Infine, i collezionisti di porcellana non vorranno perdersi la città di Herend, dove viene realizzata una porcellana di fama mondiale, oltre a dipinti a mano: qui è possibile visitare il museo ed esplorare la storia di queste opere d'arte attraverso documenti, fotografie e video


Acquista da questa pagina di Ticketbar i biglietti scontati e, ricevendoli via e-mail, risparmiati (fino a 1 ora e mezza) di attesa in fila per le seguenti visite, card e attività: 

-> BUDAPEST E DINTORNI
Budapest Hop-on Hop-off Bus
, di certo il modo più comodo di vedere ed esplorare in poco tempo i più bei luoghi di Budapest. - VAI
Budapest Card, la tessera per poter accedere per 72 ore gratuitamente ai trasporti, ed a musei e terme selezionati della città. - VAI
Legenda del Danubio, una crociera turistica notturna sul Danubio per scoprire in un'ora il fascino unico della città di Budapest. - VAI
Terme Gellért, biglietto di ingresso e massaggio alle più famose terme di Budapest, all'interno di un edificio di grande bellezza. - VAI
Tour del Parlamento, visita alla magnifica sede del Parlamento ungherese, con le sue grandi sale, i gioielli della corona, etc. - VAI
Giro in bici della città, per vedere i più importanti luoghi di Pest in modo divertente e rilassante, apprendendone la storia. - VAI
Concerto Folk ungherese, per assistere la sera in teatro a uno spettacolo della tradizione locale di circa un'ora con danze e musica. - VAI
La Budapest Ebrea, un tour del vecchio ghetto ebraico, con visita alla più grande sinagoga d'Europa ed al Museo Ebraico. - VAI
Tour di Putsza, per trascorrere una giornata indimenticabile in questa città per godersi gli spettacoli e l'arte che la caratterizzano. - VAI
Crociera a lume di candela, per godersi la veduta mozzafiato notturna della città mentre si gusta una cenetta allietati dalla musica. - VAI


 





2- Informazioni utili

Quando e come andare. L'estate (tra aprile e settembre) è senza dubbio il periodo migliore per una vacanza in Ungheria, quando le giornate sono lunghe e generalmente soleggiate e calde. In questo Paese, ogni stagione ha le sue attrazioni, tuttavia in inverno si tratta di un posto freddo e spesso triste, anche perché i musei e gli altri luoghi di interesse turistico sono o chiusi o aperti con un orario assai ridotto. L'Ungheria ha un clima temperato, con tre zone climatiche: Mediterranea a sud, continentale a est e Atlantica ad ovest. In generale, nel Paese gli inverni sono freddi, umidi, nuvolosi e ventosi, mentre le estati sono calde, ed a volte anche parecchio. Luglio e agosto sono i mesi più caldi, con una temperatura media 26° C. Anche se può essere piuttosto umida in aprile e maggio, la primavera è bellissima in tutta l'Ungheria. Il clima è generalmente mite e il Paese si presenta fantastico per il visitatore perché non c'è affollamento turistico. L'estate ungherese è calda, soleggiata e insolitamente lunga, e le località possono essere molto affollate alla fine di luglio e agosto. Se si evita il lago Balaton e la sempre popolare zona collinare di Mátra, non ci dovrebbero comunque essere problemi. L'autunno è bello, in particolare nelle colline intorno a Budapest e nelle regioni montagnose del Nord. Nella regione transdanubiana e nella Grande Pianura è tempo di raccolto e di vendemmia. Novembre è invece uno dei mesi più piovosi dell'anno, specie in alcune parti del Paese. Non è difficile arrivare in Ungheria. Ad esempio, in aereo. Ultimamente le compagnie a basso costo fanno scalo sempre più frequente su Budapest, quindi se siete interesati principalmente alla capitale potete approfittare dei tanti voli ad ottimi prezzi che ormai si trovano da vari aeroporti italiani. Potete raggiungere Budapest anche in pullman, con partenza dalle principali città: Roma, Bologna, Firenze, Napoli, Venezia, etc. Se invece intendete girare un po' l'Ungheria, meglio andare in auto, passando o (1) da Gorizia e dalla Slovenia, o (2) da Villach e Graz o (3) per Vienna, con un giro più lungo ma più comodo.

L

Guidare in Ungheria. Innanzitutto, per circolare sulle autostrade è richiesto un bollino elettronico virtuale (e-vignette) che sostituisce, dal 1° gennaio 2008, il bollino adesivo. In pratica, si acquista questo contrassegno elettronico nelle aree di servizio presso il confine del Paese oppure online, e non è necessario esporlo come avviene invece in Svizzera, Slovenia e altri Paesi: un sistema completamente digitalizzato rileva la targa dei veicoli in transito e verifica se è stata pagata la tassa di circolazione. Il bollino per 4 giorni costa circa € 6, per 7 giorni circa € 10. Vi è un divieto al 100% di usare bevande alcoliche durante la guida, cioè il tasso consentito è in pratica dello 0%, e questa regola è applicata in modo molto rigoroso. Non pensate di farla franca: anche qualche bicchiere di vino a pranzo, se venite fermati, risulterà in un po' di alcool nel sangue, e sarete multati, mentre se il livello è alto verrete arrestati. Per guidare in Ungheria è sufficiente la patente italiana, la carta di circolazione, il certificato di assicurazione e la Carta Verde. Le autostrade sono contrassegnate con la lettera "M" e le strade internazionali con la lettera "E". Il limite di velocità nelle zone abitate è 50 km/ora, fuori le zone abitate 90 km/ora, sulle strade principali 110 km/ora, sull’autostrada 130 km/ora. Inoltre, è obbligatorio viaggiare con i fari anabbaglianti accesi anche di giorno, fuori dai centri urbani. L’uso della cintura di sicurezza è obbligatorio sia ai sedili anteriori che a quelli posteriori, e per i bambini occorre usare il seggiolino. Per quanto riguarda la dotazione dell'autoveicolo, la cassetta di pronto soccorso è obbligatoria. Sono disponibili tutti i tipi di benzina senza piombo e di gasolio. La benzina verde è disponibile a 95 o a 98 ottani, ed entrambe vanno bene per le auto italiane. Le carte di credito sono ampiamente accettate, anche se probabilmente non funzionano sulle pompe automatiche, spesso le uniche aperte fuori orario nelle zone rurali, cioè a ora di pranzo e la notte.


Documenti, Moneta, Telefono, etc.  Poiché l'Ungheria fa parte dell'Unione Europea, grazie alla normativa Schengen non vi sono controlli di frontiera e per recarsi in questo Paese per un soggiorno massimo di 3 mesi è sufficiente essere muniti di una carta d'identità o di un passaporto in corso di validità. Assicuratevi che i bambini che viaggiano con voi abbiano ciascuno la propria carta d’identità o il proprio passaporto, in quanto il documento sostitutivo della carta d'identità non è accettato dalle Autorità locali. Portando con voi la tessera sanitaria, in caso di necessità sarete curati gratuitamente dal locale Servizio Sanitario, o meglio, pagherete ma potete essere poi rimborsati. Poiché l'Ungheria non fa ancora parte dell'area Euro, la moneta ufficiale utilizzata è quella nazionale, il Fiorino ungherese, in sigla HUF (1 euro = 270 fiorini ungheresi circa). Gli eventuali prelievi agli sportelli Bancomat locali forniranno direttamente contante in tale valuta. Le carte di credito sono accettate quasi ovunque, mentre le banche sono aperte dal lunedì al venerdì con orario 8-17.00. Per telefonare dall'Ungheria in Italia bisogna comporre +0039 seguito dal numero che si desidera chiamare, mentre per telefonare dall'Italia in Ungheria bisogna digitare +0036 seguito dal numero telefonico senza lo "0" iniziale. Per chiamare in Italia, risulta conveniente usare una scheda telefonica prepagata, acquistabile presso un qualsiasi tabaccaio. Non vi sono problemi ad usare il cellulare, purché il telefonino sia abilitato dal vostro gestore telefonico al roaming internazionale. Per collegarvi a Internet, potete usare gli Internet cafè, che sono piuttosto diffusi specie nelle zone universitarie del Paese. Il voltaggio della corrente in Ungheria è di 230 V, ma le prese di corrente sono quelle Schuko diffuse anche da noi, rotonde con la terra ai lati, quindi per poter utilizzare le spine di questo tipo non occorre usare un adattatore, mentre il fuso orario è lo stesso dell'Italia. 




3- Dove mangiare e dormire
L

Consigli per i pasti. I ristoranti ungheresi sono relativamente poco costosi, sia quelli self-service che i ristoranti locali che quelli turistici, appena più cari. Budapest, in particolare, non è solo bellissima e piena di cose da vedere e da fare, ma offre ampie opportunità a buon prezzo per alimentare le proprie voglie: la città ha oltre 1.000 ristoranti che offrono una cucina ungherese e internazionale. Qui potrete assaggiare cibi e sapori nuovi che porterete con voi anche quando lascerete questo Paese. Per molti ungheresi, il pranzo rimane il pasto principale della giornata. Alcuni ristoranti offrono un economico menu fisso a pranzo nei giorni feriali, che di solito si compone di minestra, insalata, piatto principale e, talvolta, di un dessert. In molti ristoranti frequentati da turisti stranieri si può godere di una piacevole musica gitana dal vivo in cambio di una piccola mancia. Quando invece pagate il conto, lasciate al cameriere una mancia di circa il 10-15 per cento. Una tappa importante, nella capitale, è il Grande Mercato coperto sito in centro, che chiude alle 14 il sabato e la domenica è chiuso. Qui, grazie al fatto che la maggior parte dei venditori parla almeno un po' d'inglese, potrete assaggiare alimenti provenienti da vari chioschi: pesce fritto, polpettine di carne di maiale, salsicce, fegato d'oca, paprika, vini locali, tutti cibi disponibili in piccole quantità in modo da provare un po' tutto o da infilarli nel vostro zaino per mangiarli durante il giorno. Il Lángos è un tradizionale snack fritto fantastico ed economico: godetevi uno di questi enormi "spuntini" consumato con un bicchiere di birra tra la gente del posto per pochi spiccioli. Se avete ancora spazio nello zaino e nello stomaco, fermatevi a Szamos Marcipán: in questo negozio le creazioni di cioccolato e marzapane sono belle quanto deliziose, e potrete anche sedervi per riposarvi un po'. Per un approccio diverso ai caffè ed ai dolci, visitate il Gerbeaud, un caffé in stile austriaco situato in piazza Vörösmarty, o uno dei tanti ottimi caffè ungheresi che, fin dal 1850, sono un importante punto di riferimento della vita intellettuale, politica, letteraria, artistica e sociale. 

L

Assaggiando la cucina ungherese. L'Ungheria ha una gustosa cucina nazionale tutta sua. Molti pensano che gli ungheresi mangino pesante, piatti grassi, ma non è vero. Molti piatti sono conditi con paprika (una spezia fatta da alcune varietà di peperoncino), che appare su tavoli di un ristorante come condimento accanto al sale e al pepe, ed esalta il sapore dei piatti. Il goulash ungherese (Gulyas) è un minestrone di manzo con cipolle e patate e di solito mangia come piatto principale. Ciò che noi associamo all'idea di goulash è in realtà il porkolt, uno stufato di carne con cipolle e peperoncino, con l'aggiunta di panna acida. La carne di maiale è il piatto più comune a base di carne. Il cavolo è un vegetale importante in Ungheria, o farcito (töltött kaposzta) o messo in un minestrone di cavolo (kaposzta leves). Tra le altre prelibatezze da assaggiare senz'altro, troviamo il fegato d'oca (Libamáj) preparato in una varietà di modi, ed il pollo alla paprika (paprikas csirke), servito con minuscoli gnocchetti (galuska). La zuppa del pescatore (Halászlé) è una ricca miscela di vari tipi di pesce lesso, pomodori, peperoni verdi e paprika. Si tratta di un vero e proprio pasto. Il luccio perca (fogas) del lago Balaton è generalmente servito impanato e fritto o alla griglia. Altri ottimi pesci d'acqua dolce che compaiono nei piatti locali sono il pesce persico e la trota con mandorle. I piatti di tagliatelle con formaggio, come la sztrapacska, vanno bene con i piatti di pesce. Lo strudel (Retes) è il classico dolce a strati riempito con mela, ciliegia, papavero, ricotta o formaggio. Altri ottimi dolci ungheresi sono le gundel (frittelle) e le gesztenyepüré (castagne cotte schiacciate condite con panna montata). Tra le bevande, molto diffusa è qui la pálinka, una bevanda alcolica locale ottenuta dalla distillazione di frutta e disponibile in una varietà di sapori, come albicocca, ciliegio e prugna. La birra si accompagna bene con molti piatti tradizionali ungheresi. Molto famoso è anche l'unicum, un liquore amaro che può essere bevuto come aperitivo o dopo un pasto, aiutando così la digestione.

L

Consigli sul pernottamento. L'Ungheria è un Paese piuttosto economico. Potrete dormire in un lussuoso hotel a 4 stelle con piscina, sauna e altri servizi per il vostro benessere senza rovinarvi. L'Ungheria è una terra di acque termali, che possono essere trovate di buona qualità e in grande quantità su oltre l'80% dei territorio del Paese. Queste terme offrono ogni tipo di terapia balneare e fisica. Budapest, in particolare, presenta l'offerta più ricca di acque termali al mondo: vale senza dubbio la pena sfruttarla. Dunque, il posto in cui stare potrebbe essere scelto sulla base di queste considerazioni. Inoltre, il Paese è pieno di castelli e palazzi nobiliari che rendono il soggiorno unico e romantico. La maggior parte si trovano lontano dalla capitale, ma ciò aggiunge loro ulteriore fascino. Alcuni di essi sono stati trasformati in hotel davvero spettacolari che rendono la permanenza indimenticabile: ad es. lo Szidonia, il Sasvar, il Palota, lo Tiszarroff, l'Hedervar. Budapest, in particolare, offre una varietà di strutture ricettive per i visitatori. Una volta in città, il turista può scegliere tra hotel economici e appartamenti di ogni tipo, anche di lusso. Ciò che più conta nella scelta è la posizione, specie se si desidera soggiornare vicino alle attrazioni storiche, ai musei, ai teatri o ad altri luoghi di interesse turistico, oltre che a ristoranti e negozi. Chi preferisce un soggiorno in un ambiente tranquillo e verde dovrebbe prendere in considerazione gli alloggi a Buda, uno dei due nuclei storici (insieme a Pest) che compongono l'attuale capitale. D'altra parte, per quanto concerne l'ospitalità, Pest offre un ambiente vivace e più frequentato. Anche la possibilità di usare il trasporto locale, il parcheggio e la sicurezza sono alcuni fattori importanti che dovrebbero contare nel prendere la decisione giusta. La vostra scelta di un hotel a Budapest può anche essere guidata dal fattore prezzo. Un appartamento di lusso nella capitale può essere affittato a un prezzo ragionevole, a condizione di fare una buona ricerca. La ricerca online di un alloggio in città può aiutare a confrontare le varie opzioni ed a trovare l'offerta più adatta per le proprie tasche

L




4- Alcune mete consigliate
L

Budapest. La città è divisa in due parti - Buda e Pest - dal Danubio. La parte più interessante è la visitatissima Collina di Buda, protetta dall'Unesco, dove potrete passeggiare per la Città Vecchia, il luogo più antico di Budapest, e ammirare il Palazzo Reale, oggi dimora del Presidente della Repubblica e, soprattutto, il Bastione dei Pescatori, con una vista mozzafiato sull'intera città. Se continuate la passeggiata verso la vicina collina Gellert, potrete raggiungere i bagni termali più famosi del Paese, quelli dell'Hotel Gellert, con piscine all'aperto, massaggi e fanghi di ogni tipo, o le terme comunali Széchenyi. Essendo davvero molto caratteristici, vale la pena darvi almeno un'occhiata, se non addirittura entrarvi per usufruire dei servizi, non particolarmente costosi. Vi sono almeno sei belle terme in città: dunque, quando ne avete avuto abbastanza di camminare, potete fermarvi in uno dei tanti centri riccamente decorati per rilassarvi nelle calde acque di sorgenti ricche di minerali o, in alternativa, in una delle tante rinomate caffetterie. A Pest vi è invece il monumento più appariscente di questa sponda, il palazzo del Parlamento, ma anche la Cattedrale e la grande Piazza degli Eroi. Passeggiando lungo il Danubio - eventualmente prendendo una barca per una breve crociera o una bicicletta per non stancarvi - potete ammirare i suoi ponti, il più famoso dei quali è il Ponte delle Catene, e raggiungere l'isola Margherita oppure il Mercato Centrale. Se avete la possibilità di soggiornare a lungo, troverete anche musei, parchi, teatri, ma potrete immergervi nella realtà locale anche godendovi un buon ristorante con la musica. Per lo shopping, è consigliabile girare per la zona commerciale di Vaci Utca. Solo a una mezz'ora da Budapest, infine, si trova Szentendre, una città assolutamente da non perdere, luogo idilliaco e rifugio di artisti, con chiese ortodosse orientali e altri monumenti immersi in un'atmosfera rilassata che la rendono una meta ideale per escursioni giornaliere e per trascorrere un pomeriggio scoprendo le tradizioni artigianali, le numerose gallerie d'arte o rilassandosi in un caffè sul lungofiume


Il lago Balaton. Questo lungo e stretto lago situato a circa 150 chilometri a sud-ovest di Budapest è uno dei più grandi laghi d'Europa e una delle principali attrazioni turistiche del Paese. La sua sponda meridionale è una distesa di hotel e di resort di prima categoria e di spiagge. La sponda settentrionale, invece, offre gli svaghi più tranquilli delle città storiche, delle escursioni in montagna, e vino di qualità. Tra le più interessanti città che si affacciano sul lago, all'angolo nord-occidentale troviamo Keszthely, la "capitale del Balaton", dall'atmosfera ottocentesca, dove si svolgono varie feste durante l'estate. Da visitare il grande palazzo Festetics, oggi sede di un museo con arte esotica, mobili e armi antiche. Una delle città turistiche più antiche e più note è Hévíz, a cinque chilometri da Keszthely: qui, nel più grande lago termale d'Europa, la temperatura rimane sopra i 33° C anche in inverno. Le attrazioni del paese di Tapolca, 26 km a nord-est di Keszthely, sono il pittoresco laghetto termale nel centro città, un vecchio mulino ad acqua e il famoso e suggestivo lago delle grotte, che si estende in oltre 300 metri di caverne ed è visitabile tramite una ripida scala che scende a 18 metri di profondità. Il resort più popolare del lato nord è Balantonfüred, la località più raffinata del lago: un luogo di incontro del 19° secolo per politici, scrittori e altri leader culturali, e sede di una serie di musei, oltre che di sorgenti termali. Sulla sponda sud del Balaton, che ha acque basse e piuttosto calde apprezzate dalle famiglie, c'è Siófok, la più grande delle località affacciantisi sul lago, che d'estate è presa d'assalto dai turisti in cerca di spiagge e di ristoranti in cui mangiare e bere a sazietà. Questa città è il più animato centro balneare del lato sud, con notti estive animate da giovani che si divertono negli innumerevoli bar e discoteche, e da qui è possibile noleggiare barche a vela e praticare altri sport d'acqua. Sul lago si affaccia anche la penisola di Tihany, di origine vulcanica: una riserva protetta molto frequentata in alta stagione su cui spicca una chiesa abbaziale barocca del Settecento.


Holloko. Non a caso il suo Borgo Antico è stato inserito nel Patrimonio mondiale dell'umanità tutelato dall'Unesco fin dal 1987: Hollókő, situato nella parte nord dell'Ungheria, nella contea di Nógrád, circa 100 km a nord est di Budapest, è un esempio eccezionale di un insediamento tradizionale volutamente conservato, ed è raggiungibile da Budapest con un autobus in partenza ogni giorno dalla stazione centrale. Questo piccolo e pittoresco villaggio, che si è sviluppato soprattutto durante i secoli 17° e 18°, è un esempio vivente della vita rurale prima della rivoluzione agricola del 20° secolo e rappresenta una delle attrazioni più popolari in Ungheria. L'area conservata del villaggio è costituita da 58 case e una chiesetta. Le case del villaggio sono perpendicolari alla carreggiata centrale e si dipanano lungo strette trame che danno la forma tipica al villaggio. Ci sono diverse caratteristiche tipiche delle case, comprese le fondazioni in pietra e la disposizione delle stanze comuni che si trovano in successione: camera da letto, cucina, dispensa. Uno degli edifici più caratteristici del borgo antico è la chiesa cattolica di fine 19° secolo, con il suo campanile in legno. Nel vecchio villaggio c'è una casa per la tessitura (Szövőház), il Museo del Villaggio (Falumúzeum), il Museo delle Poste (Postamúzeum), il Museo delle Bambole (Babamúzeum), la Casa dell'Arte Folk (Mívesház), oltre a numerosi maestri artigiani che accolgono i visitatori nei loro laboratori. Ma in realtà c'è qualcosa che vale la pena di guardare all'interno di ogni casa. Il Castello di Hollókő è stato costruito nel 13° secolo sulla collina sopra il paese, ed all'interno c'è un piccolo museo. Qui, a metà agosto, si svolgono tornei medievali in cui si combatte con armi storiche, e si può godere di musiche storiche, danze, spettacoli di burattini e altri eventi folcloristici. La festa più popolare del paese è comunque il Festival di Pasqua, quando le donne locali sono vestite secondo la tradizione popolare con costumi ricamati a mano, e festeggiano l'arrivo della primavera. Anche nella seconda Domenica di ottobre gli abitanti del villaggio sfilano in abiti folk tradizionali.

l

Homepage del sito "A SPASSO PER IL MONDO"

Olanda
Portogallo
Svezia
Irlanda Danimarca Belgio
Norvegia

Finlandia
Turchia
Russia
Cina Giappone Thailandia
Sudafrica

Argentina
Brasile
Cuba
Messico Canada Australia
Stati Uniti


Previsioni Meteo
Mappe satellitari
Calcolo itinerario
Situazione traffico Prenotazioni varie Informazioni utili
Foto e webcam

l

Scarica subito da qui il nuovo libro  
"VOLARE FACILE" 

Il libro per avere in pochi minuti un quadro completo e dettagliato
  di come risparmiare sui biglietti aerei e difendersi dai possibili problemi.


(162 pagine, 56 figure a colori)




RISPARMIA CENTINAIA DI EURO CON L'AIUTO DI QUESTA GUIDA!

Vai alla pagina con la descrizione e l'indice del libro cliccando qui





Scarica subito da qui il software  
"CONSUMI AUTO 1.0" 

Per abbattere la tua spesa di carburante e scoprire come si può viaggiare
in auto per andare in vacanza, ma spendendo meno conti alla mano.




l


  HOME Termini e Condizioni  |   Contatti


"A spasso per... l'Ungheria"
ti consente di risparmiare prenotando da qui la tua auto per il viaggio con

 

 
Interplanet, agente generale Hertz, ti offre le migliori tariffe di noleggio auto e una vasta gamma di veicoli tra cui minivan, cabrio e fuoristrada in tutto il mondo.

Per procedere alla prenotazione clicca qui o su "Prenota adesso"
 
Ultime Offerte

Affrettati e prenota in anticipo l’auto della flotta Hertz che desideri per le tue vacanze!
   
Avrai la tranquillità di trovare il veicolo che desideri al tuo arrivo.
Le tariffe vanno prepagate al momento della prenotazione e garantiscono un ampio risparmio.
È possibile cambiare la prenotazione in qualsiasi momento senza alcun costo aggiuntivo.
Le prenotazioni possono essere annullate entro 7 giorni senza penale contattando Interplanet GSA al numero 199.118855 oppure 02.67073195.
   
 

Regno Unito

Francia

 

Spagna

 

Stati Uniti

 

Italia

 

MIGLIORI
                                                          TARIFFE

Per maggiori informazioni fai riferimento ai Termini e Condizioni allegate.
 
 
 
VIVI IL TUO SOGNO DI VIAGGIO

Scegli tra i veicoli esclusivi della flotta FUN o PRESTIGE.
 

 
Le "migliori tariffe" sono calcolate sulla base delle tariffe standard prepagate Hertz per l'auto di categoria più piccola per 7 giorni in questo mese e sono disponibili solo presso determinate agenzie all'interno del paese indicato. I prezzi indicati sono da intendersi al giorno e sono soggetti a modifiche senza preavviso.
 
 
Questo servizio è offerto da
INTERPLANET SRL - Viale della Liberazione, 18 20124 - MILANO - ITALIA per conto di Hertz Europe Ltd
 

l

Attenzione!  L'autore, per ragioni di tempo, non può rispondere a eventuali richieste di informazioni supplementari o di chiarHomepageimenti relativi agli argomenti trattati in questo sito. Inoltre non si assume alcuna responsabilità riguardo le informazioni fornite, pur avendo posto la massima cura possibile nel verificarle. Sono invece ben accette tutte le segnalazioni di eventuali errori, delle quali ringrazia in anticipo.

                                                                       Copyright © 2015 Mario Menichella. Tutti i diritti sono riservati.